Abusivismo odontoiatrico, qualcosa si muove. Parere favorevole in Commissione al DdL Marinello andimessina.it

abusivismo

La Commissione Igiene e Sanità del Senato ha dato parere favorevole, al disegno di legge 471 (DdL Marinello) e 730 (DdL Barani) che modifica l’Art. 348 del codice penale inasprendo le pene per chi esercita senza titoli una professione e introduce l‘aggravante per chi esercita una professione sanitaria senza titoli.
La proposta di legge punta ad inasprire le pene per chi esercita abusivamente una professione, per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato, con la reclusione fino a due anni e con la multa da 10.329 euro a 51.646 euro.

Chi esercitando abusivamente una professione sanitaria o un’arte ausiliaria delle professioni sanitarie cagiona la morte di una persona viene punito con la reclusione da dieci a diciotto anni. Ove l’esercizio abusivo cagioni lesioni personali si applica la pena della reclusione da tre a dodici anni. Stesse pene per il prestanome.
Il reato è aggravato se il consenso della persona offesa è ottenuto con artifici e raggiri o con l’induzione all’errore. La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca del materiale destinato all’esercizio abusivo.
Siamo molto soddisfatti e speriamo che i provvedimento arrivi presto in Aula per la discussione”, commenta il Presidente Nazionale Gianfranco Prada. “Voglio ringraziare l’amicoGiuseppe Marinello (dentista già Tesoriere Nazionale ANDI NdR) per la perseveranza che lo ha sempre distinto nella sua azione politica per combattere l’abusivismo odontoiatrico. Come ANDI continueremo a sostenerlo nella sua azione a tutela della salute dei cittadini e dell’onorabilità della nostra professione”.